Museo degli Argenti

Recensioni degli utenti (0)

| Giudizio medio: 0 Scrivi una recensione
Il Museo degli Argenti fa parte del complesso di Palazzo Pitti a Firenze.

Ospitato nell'ala nord del palazzo (appartamenti estivi ai quali si accede dal cortile del Buontalenti), fu istituito nella seconda metà dell'Ottocento. Il museo viene chiamato anche come il Tesoro dei Medici, sebbene alcuni pezzi datino all'epoca successiva dei Lorena, e contiene una vasta collezione di pezzi inestimabili di oreficeria, argenteria, cammei, cristalli, opere in avorio e in pietre dure.

Oggi con lo stesso biglietto si può visitare il museo degli Argenti, il Giardino di Boboli, la Galleria del Costume e il Giardino Bardini.

La sala II al pian terreno contiene le opere più antiche facenti parte delle collezioni di Lorenzo il Magnifico, come la collezione dei vasi antichi (romani, sasanidi e veneziani), spesso con delicate incrostazioni argentee aggiunte nel XV secolo. Tra i pezzi più pregiati di questa sezione un calice bizantino, una doppia coppa in ametista, e un'opera in porfido raffigurante una Venere e Amore del pesciatino Pier Maria Serbaldi detto "il Tagliacarne". La sala III ospita un rilievo ligneo sei-settecentesco, mentre la sala IV è coperta dagli affreschi di Giovanni da San Giovanni, eseguiti tra il 1634 e il 1642.

La sala V era un'antica piccola cappella con splendide oreficerie per il culto. Le sale da VI a XII, prospicienti a Piazza Pitti, erano gli appartamenti estivi del Granduca e presentano ancora i preziosi affreschi di Angelo Michele Colonna e Agostino Mitelli, dipinti tra il 1634 e il 1641 nelle sale dalla VI alla VIII. Tra i pezzi più pregiati di queste sale figurano: opere in ebano e pietre dure intarsiate, come lo Stipo d'Alemania, proveniente da Augusta come dono dell'Arciduca del Tirolo, e un inginocchiatoio analogo; uno stipo e un reliquiario di santi domenicani di Giovan Battista Foggini; vasi in avorio tornito di fattura tedesca e uno di Giovanni Antonio Maggiore da Milano, che è il pezzo più antico conosciuto in questa specialità artistica (1582); un tavolo e uno stipo capolavori di ebanisteria olandese; una bussola magnetica donata dallo Zar Pietro il Grande a Cosimo III; vasi e coppe in pietre dure e cristallo di rocca dalle fogge bizzarre e insolite.

Al piano terra si trova l'eccezionale raccolta di porcellane orientali, di oltre 1.000 esemplari, per lo più di provenienza medicea, recentemente arricchitasi della collezione Scalabrino: ben 127 pezzi del XVII e XVIII secolo, tutti di qualità rarissima nel panorama europeo.

L'esposizione prosegue nel mezzanino, dove sono collocate le collezioni dei cammei, dei gioielli, dei ninnoli, delle argenterie per uso liturgico e da tavola, dei manufatti esotici.

È qui disposta anche la collezione di manufatti aurei e d'argento provenienti dalla Germania e portati dal Granduca Ferdinando III dopo il periodo di esilio terminato nel 1815, causato dall'occupazione francese.

Nelle due sale che ospitavano le porcellane sono state realizzate nuove vetrine e risistemati i gioielli, integrati da nuove acquisizioni mediante donazioni e comodati, prevalentemente manufatti contemporanei. È stata infine dedicata una saletta, l'ultima stanza di quelle che si affacciano sul cortile interno dell'Ammannati, alla collezione di miniature Barocchi, di oltre 120 pezzi.
Condividi con i tuoi amici:
PRESS
Sei un giornalista, fotografo o videoreporter di viaggio ed hai del materiale per Museo degli Argenti?

Iscriviti e aggiungi Museo degli Argenti tra i posti in cui sei stato
1 diari parlano di "Museo degli Argenti"
Alla scoperta di Firenze
Alla scoperta di Firenze
Pubblicato da Matija Vidmar
Partnership
ESC

Oppure registrati per commentare il diario
Lingue: Italiano - English

Chi siamo - Condizioni - Crea una Scheda Business - Opportunità di lavoro - Centro assistenza - Legge sulla privacy -

Tripblend © 2012 - Tutti i diritti riservati - Tripblend è proprietà di Imagina Studio - P.Iva IT01083440329 - Per maggiori informazioni: Num. Verde 800.910492 oppure info@tripblend.com