Masjid al-Haram

Posti d'interesse

Suggerisci un nuovo posto d'interesse  

Regioni

Recensioni degli utenti (0)

| Giudizio medio: 0 Scrivi una recensione

 è uno Stato dell'Asia e il più esteso della penisola Araba. Confina con l'Iraq, la Giordania, il Kuwait, l'Oman, il Qatar, gli Emirati Arabi Uniti e lo Yemen. È bagnata dal Golfo Persico a nord-est e dal Mar Rosso ad ovest. Ha una superficie di 2.218.000 km². La capitale è Riyad. Questa nazione ha un nome composto: occupando gran parte della penisola arabica porta il nome di Arabia ("terra degli arabi", che a sua volta deriva dal termine semitico ʿarab, cioè nomade), mentre il termine Saudita deriva dalla Dinastia najdiana dell'Āl Saʿūd, che fondò la nazione e la portò al massimo splendore commerciale ed economico.

Capitale RIYADH
Moneta Ryal saudita
Prefisso internazionale 00966
Lingue parlate

arabo, inglese

Passaporto

DOCUMENTAZIONE NECESSARIA ALL’INGRESSO NEL PAESE Passaporto: necessario, con una validità residua di almeno sei mesi alla data della partenza. Per le eventuali modifiche relative alla validità residua richiesta del passaporto si consiglia di informarsi preventivamente presso l’Ambasciata saudita presente in Italia o presso il proprio Agente di viaggio. Viaggi all'estero di minori: si prega di consultare il Focus: “Prima di partire / documenti per viaggi all’estero di minori” sulla home page di questo sito. Visto d’ingresso: la rete diplomatico-consolare saudita rilascia visti d’ingresso per affari, familiari al seguito, transito o pellegrinaggio (Hajj o Umrah). I visti d’ingresso non vengono rilasciati all’aeroporto o alla dogana. La validità dei visti per affari va da uno a sei mesi. I visti per turismo che erano emessi solo per viaggi collettivi “group tours” preventivamente approvati sono per il momento sospesi a tempo indeterminato. I visti di transito sono rilasciati ai passeggeri che intendono proseguire il viaggio con un volo entro le 12 ore successive senza lasciare l’aeroporto o fare altra tappa nel Paese. Sia i visti turistici che quelli di transito sono validi per una sola entrata (ed uscita) dal Paese. Tutti gli stranieri devono ottenere il visto per entrare nel paese tranne: - i cittadini dei paesi del Consiglio di Cooperazione dei Paesi del Golfo (il Regno del Bahrein, lo Stato del Qatar, il Sultanato di Oman, lo Stato del Kuwait e gli Emirati Arabi Uniti); - i residenti titolari di visti di uscita/re-ingresso. I visti sono concessi esclusivamente su richiesta di un garante saudita (sponsor). L’Ambasciata d’Italia ed il Consolato Generale d’Italia a Gedda non possono sponsorizzare i privati cittadini per l’ottenimento del visto d’ingresso. Per lasciare l’Arabia Saudita i residenti devono disporre di visto di uscita o uscita/re-ingresso. Esso non è richiesto ai viaggiatori temporanei e viene apposto su autorizzazione dello sponsor. Si raccomanda di verificare attentamente la scadenza del visto apposto sul passaporto. L’indicazione della scadenza in cifre arabe e secondo il calendario islamico si presta infatti ad errore. Il mancato rispetto della data di scadenza del visto determina l’impossibilità di lasciare il territorio saudita, se non dopo aver pagato una forte multa e ricevuto la relativa autorizzazione del Ministero degli Affari Esteri saudita. La moglie italiana di un cittadino saudita, le figlie maggiorenni di padre saudita ed i figli italiani di padre saudita, prima di compiere l’età di 21 anni, possono lasciare il paese solo se autorizzati dal padre oppure da un familiare autorizzato a ciò. In casi particolari, l’Ambasciata d’Italia può intervenire presso il governo Saudita per facilitare il rimpatrio di una cittadina italiana, ma non può ottenere il permesso di rimpatrio dei minori senza il consenso del padre saudita. La doppia cittadinanza Le autorità saudite non riconoscono la doppia cittadinanza e normalmente ritirano il passaporto italiano dei connazionali che ottengono la nazionalità saudita. Ciò non comporta la perdita della cittadinanza italiana, ed i nostri uffici consolari provvedono di norma al rilascio di un nuovo passaporto ai connazionali ed all’emissione di un visto d’ingresso Schengen di lunga durata sul passaporto saudita degli interessati. I rapporti di lavoro Il contratto di lavoro specifica le ore lavorative giornaliere, i giorni lavorativi settimanali, i giorni festivi, le vacanze ufficiali e regolari. Spesso i passaporti dei residenti, lavoratori nel paese, sono custoditi dallo sponsor durante il soggiorno; il lavoratore dispone ai fini del proprio riconoscimento del permesso di soggiorno (Iqama). Il lavoratore non può tuttavia lasciare il paese senza il consenso del proprio sponsor che deve a tal fine restituirgli il passaporto e richiedere l’apposito visto di uscita o uscita/re-ingresso. Gli uffici consolari italiani assistono i lavoratori in caso di difficoltà nel lasciare il paese, fatti salvi gli obblighi contrattuali che essi hanno sottoscritto. FORMALITÀ VALUTARIE E DOGANALI Le autorità doganali saudite mantengono un rigoroso controllo sulle importazioni nel paese di articoli proibiti come le bevande alcoliche, le armi, la carne suina ed altri articoli considerati contrari ai principi dell’Islam, tra cui il materiale a carattere pornografico. L’autorità postale e doganale è molto severa nell’applicazione di tale principio e considera pornografia anche le normali pubblicazioni occidentali (settimanali, ecc.) o cataloghi commerciali. Tale materiale può essere pertanto confiscato ed il viaggiatore può essere multato per il possesso. Il sistema finanziario e bancario saudita è al livello di quello occidentale. Il reale saudita è la moneta nazionale, si divide in cento halalas ed è convertibile in valuta straniera. La maggior parte delle valute straniere sono convertibili presso le banche commerciali ed i cambiavalute. Le carte di credito di maggiore circolazione nel paese sono: Master Card, American Express, Diners Club e Visa. Non vi sono restrizioni di valuta, sia locali che straniere, all’uscita e all’entrata. La valuta israeliana è proibita e non vi sono rapporti interbancari con banche israeliane. Le banche locali sono aperte: dal sabato al mercoledì dalle 9.30 alle 16.30 ed il giovedì dalle 8.30 alle 12.00 solo alcune sedi. I cambiavalute sono aperti dalle 8.30 fino a tarda sera.

Sanità

Le strutture sanitarie ed ospedaliere saudite sono al livello di quelle occidentali. Ci sono numerosi ospedali privati a pagamento per gli stranieri. Si consiglia, pertanto, di stipulare una polizza assicurativa internazionale adeguata che preveda oltre alla copertura delle spese sanitarie anche l’eventuale il rimpatrio o il trasferimento aereo del malato in altro Paese. Non sono previste vaccinazioni obbligatorie. Tuttavia, in occasione del pellegrinaggio alla Mecca (Hajj), le Autorità sanitarie saudite richiedono a chi proviene da Paesi interessati da casi di febbre gialla e poliomelite di dotarsi di un certificato internazionale di vaccinazione contro tali malattie. Anche i minori di anni 15 provenienti da Paesi dove il virus della poliomielite è ancora trasmissibile devono produrre un certificato di vaccinazione antipolio. I viaggiatori provenienti da qualsiasi Paese sono tenuti ad effettuare previamente la vaccinazione contro la meningite e l’influenza stagionale nonché, se sarà universalmente disponibile, contro l’influenza A (H1N1). Le vaccinazioni contro l’influenza devono avvenire almeno due settimane prima dell’ingresso nel Paese. Si consiglia, previo parere medico, di effettuare anche la vaccinazione contro l’epatite virale. La malaria è una malattia endemica presente nelle pianure a sud ovest del Regno, in particolare nella regione di Jizan, che si estende fino alle aree rurali intorno a Gedda.

Informazioni utili

Saudi Automobile and Touring Association Al Akariah Bulding, 4th floor Olayah Street Riyadh P.O.Box 51880 RIYADH 11553 tel. (+966 1) 419 19 51 Fax (+966 1) 419 05 77 e-mail: gm@sata-sa.com vai al sito SAUDIA AIRLINES Roma: Tel. 06 650 10 904, Fax: 06 650 10 643, Prenotazioni: 06 420 30460 Milano: 02 670 77 086 / 7 / 8

Clima

Il clima della costa del Regno sul Mar Rosso (Gedda) è sub-equatoriale: le estati sono calde e umide e gli inverni sono miti, con piogge leggere fra novembre e febbraio. Nella regione centrale (Riad), in estate, la temperatura può superare i 50 gradi C; gli inverni sono brevi, secchi e freddi. La regione orientale (Dammam, Al Khobar, Al Jubail) ha un elevato tasso di umidità e un clima mite che perdura tutto l'anno, con temperature che superano i 40 gradi C nei periodi più caldi dell'anno.

Viabilità

Patente E' richiesta la patente Internazionale (modello convenzione di Ginevra 1949 oppure Vienna 1968). Altrimenti una patente di guida araba può essere rilasciata ai cittadini italiani a seguito di richiesta dello sponsor. L’esame di guida viene svolto in forma semplificata se si detiene la patente valida sul territorio nazionale. Assicurazione auto RCA temporanea ottenibile in frontiera per validità min. 1 mese. Norme di guida Le donne non possono guidare. Collegamenti La rete stradale e le relative infrastrutture sono di buon livello in Arabia Saudita. La rete principale di collegamento tra i centri abitati è al livello di quelle occidentali. Il Regno è collegato tramite rete stradale con i Paesi confinanti. Esistono collegamenti autobus regolari che sono generalmente utilizzati dai numerosi lavoratori asiatici residenti nel paese. Fuori dai principali centri metropolitani la segnaletica, basata su quella internazionale, è prevalentemente in lingua araba. Sono stete recentemente introdotte misure (autovelox) per il controllo della velocità nel centro di Riad con elevate sanzioni pecuniarie per i trasgressori. Gli incidenti stradali sono estremamente frequenti. In caso di incidente le vetture non devono essere spostate sino all'arrivo delle Autorità di Polizia. Tutte le parti coinvolte, se non ricoverate, vengono normalmente portate alla stazione di polizia per stabilire la responsabilità dell'incidente e provvedere al pagamento dei danni. Spesso le parti vengono inoltre trattenute in stato di fermo per 24-48 ore anche se innocenti. Gli uffici consolari raramente riescono ad impedire lo stato di fermo; raccomandano pertanto ai connazionali di richiedere alle Autorità di Polizia di prendere immediato contatto con gli stessi Uffici consolari e con il proprio garante (Sponsor). Aeroporti Internazionali L’Aeroporto Internazionale Re Khalid si trova 35 chilometri a nord della capitale Riad, l’Aeroporto Internazionale di Dhahran è a 13 chilometri a sud ovest di Dhahran nella provincia orientale mentre l’Aeroporto Internazionale Re Abdul Aziz è a 18 chilometri a nord di Gedda. Gli aeroporti sono tutti dotati di servizi di bus, taxi, cambiavalute, banche, punti di ristoro, autonoleggio ed informazioni turistiche.

Condividi con i tuoi amici:

PRESS
Sei un giornalista, fotografo o videoreporter di viaggio ed hai del materiale per Arabia Saudita?

Iscriviti e aggiungi Arabia Saudita tra i posti in cui sei stato
Partnership
ESC

Oppure registrati per commentare il diario
Lingue: Italiano - English

Chi siamo - Condizioni - Crea una Scheda Business - Opportunità di lavoro - Centro assistenza - Legge sulla privacy -

Tripblend © 2012 - Tutti i diritti riservati - Tripblend è proprietà di Imagina Studio - P.Iva IT01083440329 - Per maggiori informazioni: Num. Verde 800.910492 oppure info@tripblend.com