Angola

       
Miradouro da Lua

Posti d'interesse

Suggerisci un nuovo posto d'interesse  

Città principali

Regioni

Recensioni degli utenti (0)

| Giudizio medio: 0 Scrivi una recensione

è uno stato dell'Africa centrale. Il suo territorio si estende su 1.246.700 km² e conta 12.127.071 abitanti. La capitale è Luanda. Confina a nord con la Repubblica Democratica del Congo, a est con lo Zambia, a sud con la Namibia e a ovest si affaccia sull'oceano Atlantico. Fa parte del paese anche l'exclave di Cabinda situata al confine fra Repubblica Democratica del Congo e Repubblica del Congo. La lingua ufficiale è quella portoghese.

Capitale LUANDA
Moneta Nuovo Kwanza (AON)
Prefisso internazionale 00244
Lingue parlate

Lingua ufficiale: portoghese, lingue nazionali: umbundo, kimbundo, kikongo, chokwe, mbunda, luvale, nhanheca, gangela

Passaporto

Documentazione necessaria per l’ingresso nel Paese Passaporto: necessario, con validità residua di almeno 6 mesi. Si consiglia di portare con sé una fotocopia autenticata del passaporto e del visto ivi apposto, rilasciata dall’Ambasciata dell’Angola a Roma, per evitare problemi con le Autorità locali in caso di controlli. Si segnala inoltre che per ottenere il visto di lavoro, ricongiungimento familiare o di residenza, è consigliabile che il passaporto abbia almeno cinque pagine libere e una validità minima di due anni. Per le eventuali modifiche a tale norma si consiglia di informarsi preventivamente presso l’Ambasciata o il Consolato del Paese presente in Italia o presso il proprio Agente di viaggio. Viaggi all'estero di minori: si prega di consultare il Focus: “Prima di partire / documenti per viaggi all’estero di minori” sulla home page di questo sito. Visto d’ingresso: obbligatorio. Visto ordinario: rilasciato per motivi familiari, di viaggio, scientifici, di affari, o per turismo. E’ valido per un’entrata e permette il soggiorno nel Paese per un periodo massimo di 30 giorni; deve essere utilizzato entro 60 giorni dalla data di emissione. Occorre presentare domanda presso l’Ambasciata dell’Angola a Roma con almeno 15 giorni di anticipo. Visto di lavoro: permette l’ingresso nel Paese per esercitare una specifica attività lavorativa; esso consente l’ingresso multiplo nel territorio angolano e permette il soggiorno sino ad un anno, prorogabile in base alle necessità. Deve essere utilizzato entro 60 giorni dalla sua concessione. L’Ambasciata dell’Angola a Roma invia la richiesta allo SME (“Servico Migraçao e Estrangeiros”, dipartimento del Ministero dell’Interno), che impiega un tempo minimo di 45 giorni per la risposta. Il visto è valido per un periodo di tempo specifico, che dipende dal Paese di origine. Visto di transito: concesso a coloro che devono transitare per l’Angola per giungere alla destinazione finale. Ha una durata massima di 5 giorni e deve essere utilizzato entro la data indicata sul visto. Chi soggiorna in Angola con un visto scaduto è punito con multe elevate ed eventuale fermo; dopo 30 giorni si aggiunge una multa fissa di 500 USD. Le leggi sull’immigrazione illegale sono state riviste e nel 2008 il Ministero dell’Interno (Polizia di frontiera) ha segnalato 3500 casi di arresti. Vaccinazioni obbligatorie: febbre gialla. Le Autorità di frontiera effettuano rigorosi controlli sulla validità del certificato stesso. Formalità valutarie e doganali: all’ingresso è obbligatorio denunciare il possesso di valuta straniera superiore a USD 15.000. Tale dichiarazione doganale è l’unico strumento che autorizza ad uscire dal Paese portando con sé una quantità di valuta inferiore a quanto dichiarato all’ingresso. E’ proibito uscire dall’Angola con valuta locale. L’economia angolana ha subito negli ultimi anni un forte influsso del Dollaro, per cui si consiglia di portare con sé i Dollari americani soprattutto quelli di ultima serie. Il cambio va effettuato sempre in banca o presso gli uffici di cambio autorizzati; il cambio effettuato per strada è illegale. Gli orari delle banche sono i seguenti: dal lunedì al venerdì dalle ore 8.00 alle ore 15.00. L’uso delle carte di credito è in rapida diffusione presso i maggiori centri commerciali e nei grandi alberghi.

Sanità

Le condizioni igienico-sanitarie in generale non hanno gli standard europei e non sono paragonabili a quelli dei paesi confinanti, quali Namibia e Sud Africa, i cui standard sono molto superiori. Nelle periferie di Luanda vi sono numerose baraccopoli sovrappopolate. L'acqua erogata dalle tubature non è potabile e può essere usata solo per i servizi igienici o per l'irrigazione. Il sistema fognario urbano è inesistente e nelle zone semiperiferiche vi sono fogne a cielo aperto e discariche di rifiuti. Le principali malattie endemiche sono: colera, malaria, epatite, tifo, paratifo, febbre gialla, parassitosi, tripanosomiasi, tbc, polio e meningite. La rabbia è una malattia molto diffusa nel Paese; nel 2009 sono stati registrati numerosi casi, con 65 decessi. In caso di necessità, si consiglia di rivolgersi ai seguenti ospedali, tra i più affidabili di Luanda: - Clinica Sagrada Esperanca (Servizio di emergenza 24 ore su 24) Avenida Mortala Mohamed, Ilha de Luanda, Luanda Tel: +244-222-309034/309204/309360/309688 Fax: +244-222-309033 Cell: +244-9-501348/9 - Ospedale militare Rua D.Manuel I, Sagrada Familia, Luanda Tel: +244-222-322315 Fax: +244-222-325967 E-mail: hosmilp@netangola.com - Clinica “Girassol” Avenida Revolucion de Otubro Martiri di Kifangondo, Mucipio da Maianga, Luanda Tel: 266 6984400 Sito web: www.clinicagirassol.co.ao Avvertenze Si consiglia di:  adottare rigorose precauzioni igieniche, in particolare per quanto riguarda l’alimentazione;  bere solo bibite in bottiglia (controllandone bene la chiusura), senza aggiunta di ghiaccio;  consumare alimenti ben cotti;  lavare con cura la frutta e la verdura.

Telefonia

i è una rete fissa Angola Telecom che è pubblica e due reti di telefonia mobili, di cui una pubblica (Movicel) e l'altra privata (Unitel) che coprono i principali capoluoghi di provincia. È funzionante il sistema "roaming" della rete mobile privata che utilizza il sistema europeo.

Clima

in tutto il Paese vi sono due stagioni: quella secca, denominata cacimbo (inverno, dal 15 maggio al 15 agosto), più fresca, con temperature medie di 23-24° C che possono scendere sino ai 5-10°C nelle zone più interne ed elevate dell’altopiano; quella delle piogge (das chuvas, estate), con una concentrazione delle precipitazioni soprattutto in due periodi, dicembre-gennaio e marzo-aprile, caratterizzata da temperature medie di 27-28°C. La temperatura media annuale a Luanda è di 25°C. La costa ha un’umidità media dell’85% ed una temperatura media annuale superiore ai 23°C; le regioni settentrionali sono caratterizzate da abbondanti precipitazioni e clima tropicale, più umido rispetto a quelle meridionali e dove si registrano temperature più basse nei mesi invernali; nelle zone dell’altopiano la stagione è più secca con temperature più basse mentre il sud-ovest è meno umido.

Viabilità

Patente: è necessaria la patente angolana (valida per l’intera SADC). La patente italiana può essere utilizzata per un periodo massimo di 30 giorni. Trasporti in generale: per raggiungere l’Angola dall’Italia non esiste collegamento aereo diretto. Le compagnie aeree che collegano Luanda sono Air France (via Parigi), British Airways (via Londra), Lufthansa (via Francoforte), Ethiopian Airlines (via Addis Abeba), Brussels Airlines (via Bruxelles), Emirates (via Dubai), South African Airlines (via Johannesburg), TAP (via Lisbona) e TAAG (via Lisbona). Data la vastità del Paese, l’inesistenza della ferrovia (a parte brevi tratte) e i lavori di ripristino delle infrastrutture stradali attualmente in corso, è abbastanza diffusa la rete aeroportuale interna. Tutti i capoluoghi di provincia sono muniti di aeroporti, spesso però in condizioni molto precarie e con molta flessibilità negli orari: a volte i voli sono cancellati o procrastinati anche di uno o più giorni. Per quanto riguarda le comunicazioni marittime, vi è una sola società di navigazione italiana, la GRIMALDI, che viaggia su Luanda, da Amburgo, via Portogallo, senza passare dal Mediterraneo. Altre società (MSC, Delmas) trasportano merci dai maggiori porti italiani. La rete ferroviaria del Paese è ancora in uno stato di degrado; tuttavia sono previsti, nei prossimi anni, interventi di ripristino, anche per un eventuale utilizzo a scopo turistico. Le uniche tratte ora attive sono: Lobito-; Namibe-Lubango; Luanda-Viana in direzione Malanje. La rete stradale è in rapida evoluzione con il ripristino dei principali assi interprovinciali. Fuori dai centri abitati non vi sono strade a più di due corsie e solo le strade di recente costruzione sono munite di un manto stradale di qualità accettabile. Le stazioni di servizio, limitate alle aree urbane, sono in numero nettamente inferiore rispetto alle esigenze, tanto che spesso si formano lunghe code, anche di diverse ore, per il rifornimento di combustibile. E’ assolutamente essenziale quindi avere le necessarie riserve di carburante ed alcune ruote di scorta prima di effettuare spostamenti fuori dei centri abitati. È comunque sempre consigliabile, nel caso in cui vengano effettuati spostamenti nelle province, muoversi con più autovetture. Per chi volesse compiere viaggi in auto si consiglia di seguire l’itinerario lungo l’asse stradale occidentale nord-sud, dalla frontiera con la RDC a quella con la Namibia (Santa Clara): Uige – Caxito – Luanda - Porto Amboim – Sumbe – Benguela – Cacula – Lubango – Cahama – Ondjiva - Santa Clara.

Condividi con i tuoi amici:

PRESS
Sei un giornalista, fotografo o videoreporter di viaggio ed hai del materiale per Angola?

Iscriviti e aggiungi Angola tra i posti in cui sei stato
Partnership
ESC

Oppure registrati per commentare il diario
Lingue: Italiano - English

Chi siamo - Condizioni - Crea una Scheda Business - Opportunità di lavoro - Centro assistenza - Legge sulla privacy -

Tripblend © 2012 - Tutti i diritti riservati - Tripblend è proprietà di Imagina Studio - P.Iva IT01083440329 - Per maggiori informazioni: Num. Verde 800.910492 oppure info@tripblend.com