Search in:
No places found suggest a new place

ABRUZZO – VASTO – LA MUSA ISPIRATRICE - Maggio 1541

Diary published by
Zenvioo Blog

ABRUZZO – VASTO – LA MUSA ISPIRATRICE

Share with your friends:

Maggio 1541

Copyright 2013 Viralmanagement.it

Vasto
Il post originale lo potete trovare a {link:http://www.zenviooblog.com/?p=203}questo indirizzo{/link}!

“Da molto tempo non si affacciava a quella finestra da cui si poteva godere di una straordinaria vista sopraelevata del Mare Adriatico. Il ricordo dell’amato consorte Ferdinando Francesco D’Avalos, morto a seguito delle gravi ferite riportate nella battaglia di Pavia nel 1525 e che aveva sposato per suggellare l’alleanza tra le rispettive famiglie nel 1509 a Ischia, continuava a tormentarla ogni notte e quel luogo, carico di reminiscenze, ne enfatizzava ancor più la mancanza. Raramente i matrimoni combinati sfociavano in vero amore ma la loro unione fu sincera e Vittoria Colonna, Marchesa di Pescara, sentiva il peso della solitudine aumentare di giorno in giorno.

Dopo quel tragico evento a cui seguì un periodo di forte depressione che la spinse a meditare il suicidio trovò conforto nella religione, ritirandosi in un Convento di Roma e stringendo amicizie forti con alcuni esponenti di spicco che alimentavano una corrente di riforma all’interno della Chiesa Cattolica. Ma non durò a lungo. Il fratello, Ascanio Colonna, entrò in conflitto con Clemente VII e lei fu costretta ad abbandonare la città. Passarono gli anni e nel 1538 dopo vari spostamenti che la riportarono infine a Roma conobbe Michelangelo Buonarroti di cui diventò amica e musa ispiratrice.

E proprio a lui pensava in quel preciso istante, mentre una piccola imbarcazione di pescatori appena visibile dal suo punto di osservazione cercava di guadagnare la riva dove alcuni uomini la attendevano per poterne prelevare il carico che, di lì a poco, sarebbe finito sui banchi del locale mercato. Gli ultimi tre anni avevano rappresentato una sorta di rinascita. Vittoria aveva finalmente uno scopo, qualcosa per cui valesse la pena di vivere: influenzare, stimolare e ispirare uno dei più grandi geni della sua epoca affinché producesse, con la sua arte, grandi capolavori senza tempo che si sarebbero tramandati di generazione in generazione per molti secoli a venire. Presto sarebbe andata a Viterbo dato che il fratello aveva da poco intrapreso un secondo conflitto con il Vaticano, questa volta capeggiato da Paolo III, e molto probabilmente avrebbe avuto l’opportunità di rincontrare Michelangelo che, solo un anno prima, le aveva fatto dono di una meravigliosa rappresentazione della Crocifissione. Si voltò verso la scrivania, dove aveva appoggiato il quadro che si era premurata di portare con sé e lo contemplò in tutta la sua magnificenza. Era giunto il momento di scrivere nuovamente a quel grande uomo che, inconsapevolmente, l’aveva salvata dall’oblio.”

Oggi

Copyright 2013 Viralmanagement.it

Vasto, centro storico – Piazzetta tra via Adriatica e via Botto
La finestra descritta nel racconto è una delle tante esposte a est di palazzo D’Avalos che si trova nel meraviglioso centro storico di Vasto, in Abruzzo. Vittoria Colonna vi dimorò realmente e pensare oggi all’intenso arco vitale che la unì dapprima al consorte e poi al grande genio di Michelangelo è commovente. Della corrispondenza epistolare con quest’ultimo si conservano ancora oggi alcune lettere (cinque di lei e due di lui) ed è difficile inquadrare i confini della loro relazione, ci riesce molto bene Sebastiano Grasso in questo articolo.

Vasto è certamente cambiata da allora, anche per via della rovinosa frana del 1956 che trascinò a valle la Chiesa di San Pietro e molti edifici privati, ma conserva tutt’ora un’infinità di bellezze che meritano un’attenta visita, sulle tracce di quella meravigliosa donna che è stata Vittoria Colonna e di tanti altri personaggi che, con le loro azioni, ne hanno segnato la storia.

Per i più romantici la terrazza di via Adriatica offre uno degli spettacoli più belli di tutto il litorale e, nelle giornate limpide, permette allo sguardo di spaziare fin quasi all’infinito mentre gli amanti dello shopping possono passeggiare per le vie del centro dove bellissime boutique e negozi di artigianato locale offrono articoli di pregio a prezzi accessibili. Gli appassionati di mare e sole non hanno che da scegliere nella vicinissima Vasto Marina con le caratteristiche dune di sabbia, lidi organizzati e spiagge libere, oltre ad una bellissima pista ciclabile e locali molto carini aperti a tutte le ore. Le buone forchette hanno l’imbarazzo della scelta e trovano appagati i propri sensi con il pesce (consigliamo di gustare il tipico “brodetto alla vastese”), con la carne (gli immancabili arrosticini) e le verdure fresche (coltivate praticamente ovunque).

Vasto e l'Abruzzo in generale sono tutte da scoprire e la buona notizia è che i prezzi sono decisamente accessibili, che aspettate?
Or Register to write a comment for this diary
ESC

Or register to write a comment for this diary
Languages: English - Italiano

About us - Conditions - Create a Business Account - Careers - Help - Privacy legacy -

Tripblend © 2012 - All rights reserved - Tripblend is property of Imagina Studio - P.Iva IT01083440329 - For more information: info@tripblend.com