Search in:
No places found suggest a new place

UMBRIA – CORCIANO – IL TEMPO SI È FERMATO ALLE PORTE DI PERUGIA - 12 Settembre 1506, alle porte della Città

Diary published by
Zenvioo Blog

UMBRIA – CORCIANO – IL TEMPO SI È FERMATO ALLE PORTE DI PERUGIA

Share with your friends:

12 Settembre 1506, alle porte della Città

Copyright 2013 Viralmanagement.it

Rappresentazione storica a Corciano
Il post originale lo potete trovare a {link:http://www.zenviooblog.com/?p=132}questo indirizzo{/link}!

“I due uomini, in sella ai rispettivi cavalli, scrutavano il profilo del borgo fortificato che si stagliava sulla vetta della collina innanzi a loro. I soldati, che costituivano un piccolo esercito alle loro spalle, approfittarono della breve pausa per riposare e far abbeverare gli animali stremati dalla lunga marcia. Erano giunti a Corciano e si sarebbero fermati per una breve sosta, in attesa di poter fare il loro ingresso a Perugia.

Uno dei due, abbigliato come si conveniva alle personalità di spicco a quel tempo, era Niccolò Macchiavelli, uomo di un’intelligenza fuori dal comune e fondatore della scienza politica moderna. L’altro, con una pesante armatura, era Giulio II il Papa guerriero.

La bellezza di quella visione, dove i campi coltivati si perdevano a vista d’occhio fino a lambire le sponde del Lago Trasimeno, unite all’imponenza della cinta muraria che delimitava il perimetro della città, indussero i due uomini a soffermarsi a lungo in una sorta di contemplazione. Fin dove poteva spingersi l’ingegno dell’uomo?

Era quello un periodo di grandi cambiamenti e le migliori menti della penisola, pur nella sua frammentazione socio-politica, erano al lavoro per creare alcune tra le opere più ammirate di tutti i tempi.

Giulio II volle al suo servizio Michelangelo Buonarroti, a cui commissionò solo un anno prima il progetto della sua tomba. Il Bramante era invece al lavoro per la ricostruzione della Basilica di San Pietro in Vaticano e molti altri grandi artisti, si apprestavano ad offrire i loro servigi al Pontefice.

Macchiavelli, invece, seguiva il Capo della Chiesa fin dall’agosto precedente in veste di Ambasciatore Fiorentino per via delle mire espansionistiche del Vaticano e si unì alla carovana nella convinzione che potesse ricevere una certa resistenza da parte di Giampaolo Baglioni, Signore di Perugia. Era un uomo astuto e il corso degli eventi avrebbe fornito importanti indicazioni sul comportamento da seguire nei confronti di alleati ed avversari.

“Sarete compiaciuti di poter infine riposar le membra dopo una così lunga cavalcata” disse il Macchiavelli rompendo il silenzio surreale di quell’istante. “Non le pene corporali possono affliggere la nostra temporanea umana natura ma la viltà che si cela dietro l’uomo scaltro” rispose Giulio II un attimo prima di spronare il suo cavallo.”


Il tempo sembra essersi fermato a quello stesso giorno a Corciano, ve ne renderete conto se avrete il privilegio di visitarlo. Non per niente è inserito nell’elenco dei cento borghi più belli d’Italia.

Visitate Basilica di Santa Maria degli Angeli dove, alle spalle dell’altare maggiore, trova dimora la pala dell’Assunta dipinta cinquecento anni orsono da Pietro Vannucci, detto il Perugino. Non perdetevi i musei (tra cui quello Etrusco dove sono esposti i reperti rinvenuti sul territorio), il vicino Lago Trasimeno (fantastiche escursioni sull’Isola Polvese e una passeggiata nel centro storico di Castiglione del Lago) e i piccoli borghi come Panicale. Pochi chilometri vi separano da Perugia ed Assisi, mete ben note di cui parleremo in futuro.

Come sempre il nostro consiglio è di documentarsi prima della partenza rispetto alla storia incredibile di questi luoghi, trovare un ristorante per mangiare è facile visto che si mangia benissimo praticamente ovunque qui, molto più difficile è portare a casa un’esperienza e se provate a guardare queste terre con gli occhi di Macchiavelli o Giulio II siamo sicuri che non ve lo dimenticherete mai. ;-)

Ospitalità a Corciano

Copyright 2013 Viralmanagement.it

Massimo Maiarelli
Trovare un posto letto, con gli strumenti di oggi, è molto facile ma individuare una struttura ricettiva che contribuisca a vivere una reale esperienza è tutta un’altra storia. Massimo, proprietario e Direttore dell’Hotel El Patio (3 stelle) è uno di quegli albergatori che vi lasciano il segno, non vi tratta come un cliente ma come un amico ed è parte integrante di quel contesto culturale umbro che ad una prima superficiale valutazione può sembrare vagamente distaccato (ma non è così, i Corcianesi sono straordinari). Se prendete un caffè al bar con lui e gli chiedete di illustrarvi le migliori opportunità offerte dall’ ambiente in cui vive e lavora scoprirete un mondo inimmaginabile e capirete il vero significato del termine “passione”. Lo capite guardandolo negli occhi che si fanno lucidi, mentre elenca una serie infinita di opportunità che sembrano cucite appositamente per voi. Ed è questa un’abilità di pochi. Non vi aspettate un servizio asettico e distaccato, come avviene in tanti altri posti, qui si bada alla sostanza e, a prezzi assolutamente onesti, potrete tornare a casa con una valigia piena di bei ricordi. Noi ci andiamo spesso e, ogni volta, non vorremmo più partire perché qui ti senti un po’ a casa.

Per contattare Massimo {link:http://www.hotelelpatio.com}clicca qui{/link}

Vale la pena di assaggiare

Copyright 2013 Viralmanagement.it

Cereali in vendita a Castiglione sul Lago
L’Umbria offre tanti spunti gastronomici, qui si coltivano fin dai tempi degli Etruschi cereali di altissima qualità e si produce un’ olio dalle proprietà organolettiche uniche (vi segnaliamo l’iniziativa dei frantoi aperti nel periodo di raccolta e spremitura, tutto il mese di novembre fino al week end dell’Immacolata). Il pesce d’acqua dolce, da sempre pescato nel vicino Lago Trasimeno, la cacciagione e le prelibate carni di Chianina (Cortona, centro produttivo di fama mondiale è a pochi chilometri) fanno il resto.

E tra tutte queste prelibatezze vogliamo segnalare la “fagiolina del Trasimeno”, presidio slow food sopravvissuto grazie all’infaticabile lavoro di una ventina di piccoli produttori con la collaborazione dell’Università di Perugia. Provatelo nella sua forma più semplice, saltato in padella con un filo d’olio e rosmarino. Non potrete fare a meno di acquistarne una confezione da portarvi a casa.
Or Register to write a comment for this diary
ESC

Or register to write a comment for this diary
Languages: English - Italiano

About us - Conditions - Create a Business Account - Careers - Help - Privacy legacy -

Tripblend © 2012 - All rights reserved - Tripblend is property of Imagina Studio - P.Iva IT01083440329 - For more information: info@tripblend.com